Iscriviti ora

Accesso

Password dimenticata

Hai perso la tua password? Inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un link e verrà creata una nuova password via e-mail.

Add postale

Devi effettuare il login per aggiungere post .

Accesso

Iscriviti ora

Benvenuti a Scholarsark.com! La tua registrazione ti darà accesso a utilizzare più funzionalità di questa piattaforma. È possibile porre domande, contributi o fornire risposte, Guarda i profili di altri utenti e molto altro ancora. Iscriviti ora!

Lo studio conclude che la vitamina D e l'olio di pesce non riducono l'incidenza di malattie cardiache o cancro

I risultati di uno dei più grandi studi controllati con placebo mai condotti sugli effetti benefici della vitamina D e dell'olio di pesce sono stati appena pubblicati e, nonostante alcuni comunicati stampa iperbolici, i risultati complessivi hanno rilevato che entrambi gli integratori non erano migliori del placebo nel ridurre l'incidenza di cancro o malattie cardiache.

Sia l'olio di pesce omega-3 che gli integratori di vitamina D non sono risultati migliori di un placebo nella prevenzione del cancro o di eventi cardiovascolari(Credito: stocksnapper/Depositphotos)

La prova rigorosa e ben progettata è iniziata con il termine 25,000 soggetti sani di età superiore a 50. Ogni partecipante è stato casuale, e alla cieca, assegnata una delle quattro combinazioni giornaliere: 2,000 unità di vitamina D e 1 grammo di olio di pesce, la vitamina D e un placebo, l'olio di pesce e un placebo, o due placebo.

Lo studio ha seguito i soggetti per oltre cinque anni, monitorare l'insorgenza di eventi cardiovascolari maggiori o tumori invasivi, e i risultati deluderanno sicuramente chiunque abbia un interesse in questi integratori. La conclusione del Omega 3 lo studio era, “La supplementazione con acidi grassi n-3 non ha comportato una minore incidenza di eventi cardiovascolari maggiori o cancro rispetto al placebo.” La conclusione dello studio sulla vitamina D era praticamente la stessa, “L'integrazione con vitamina D non ha comportato una minore incidenza di cancro invasivo o eventi cardiovascolari rispetto al placebo.”

tuttavia, scavare nei dettagli più granulari nello studio rivela alcuni risultati specifici che alcuni ricercatori stanno portando in primo piano. Giovanna Manson, uno dei ricercatori chiave dello studio, si concentra su due specifici punti di dati secondari che suggeriscono, “Gli omega-3 sono stati associati a una riduzione del rischio di attacchi di cuore nella nostra popolazione di studio, soprattutto tra i partecipanti che avevano un consumo di pesce inferiore alla media,” e la vitamina D potrebbe essere associata a tassi più bassi di decessi per cancro a partire da uno o due anni dall'inizio dello studio.

In un editoriale accompagnando gli studi duali, pubblicato nel Giornale di medicina del New England, John F. Keaney e Clifford J. Rosen suggerisce “questi “positivo” i risultati devono essere interpretati con cautela. Oltre a notare, per quanto riguarda la conclusione sull'olio di pesce, che questi risultati positivi non sono stati costantemente osservati altri grandi studi sugli omega-3, Kearney e Rosen lo ricordano, “la letteratura medica è piena di entusiasmanti end point secondari che hanno fallito quando sono stati successivamente formalmente testati come end point primari in studi randomizzati adeguatamente potenziati.”

Jane Armitage, dell'Università di Oxford, anche domande la veridicità di alcune di queste conclusioni secondarie, suggerendo mentre “hanno visto meno attacchi di cuore tra coloro che assumevano gli oli di pesce,” non è stato inoltre osservato alcun effetto complessivo su tutti gli altri eventi cardiovascolari, quindi questo deve essere interpretato con cautela.

Per molti versi questa ricerca sembra essere una perfetta cartina di tornasole di quanto possa essere problematico il resoconto della ricerca scientifica. Il titolo della ricerca del Washington Post è, “I farmaci a base di olio di pesce proteggono la salute del cuore, dicono due studi,” mentre il New York Times riporta la stessa identica ricerca con il titolo, “La vitamina D e gli oli di pesce sono inefficaci per prevenire il cancro e le malattie cardiache.”

Nessuno dei due titoli è specificamente errato, tuttavia può essere leggermente falso concentrarsi sull'effetto secondario di un particolare studio quando il risultato primario complessivo era negativo. Il comunicato stampa del Brigham and Women's Hospital non fa nulla per evitare tale selezione, iniziale con il sottotitolo “I risultati mostrano che gli acidi grassi omega-3 riducono il rischio di attacchi di cuore, soprattutto tra gli afroamericani; la vitamina D ha ridotto le morti per cancro nel tempo.”

Ancora, queste affermazioni non sono tecnicamente errate, ma non sono certamente in linea con le conclusioni della rivista pubblicate dal ricercatore che affermano chiaramente che sia la vitamina D ad alte dosi che l'integrazione di omega-3 non riducono l'incidenza del cancro o di eventi cardiovascolari maggiori.


fonte: un processo fondamentale del metabolismo dei grassi, un processo fondamentale del metabolismo dei grassi

Di Marie

Commenti ( No )

  1. Grazie mille per le informazioni che ci hai fornito, Sei uno dei siti che seguo costantemente, Ti auguro un successo continuo.

  2. Grazie mille per le informazioni che ci hai fornito, Sei uno dei siti che seguo costantemente, Ti auguro un successo continuo.

  3. Mi piacciono gli sforzi che ci hai messo, saluti per tutto l'ottimo contenuto.

  4. Stupendo! È un post davvero straordinario, Ho un'idea molto chiara riguardo a questo post

  5. Bello! Questo è stato un post davvero meraviglioso. Molte grazie per aver fornito questi dettagli.

  6. Bel post. Imparo qualcosa di totalmente nuovo e stimolante sui siti web

  7. Apprezzo davvero la tua tecnica di scrittura di un blog. L'ho aggiunto al mio elenco di siti preferiti e lo farò

  8. Stupendo! È un post davvero straordinario, Ho un'idea molto chiara riguardo a questo post

  9. Questo è davvero interessante, Sei un blogger molto abile. Mi sono unito al tuo feed e non vedo l'ora di cercare altro del tuo magnifico post. Anche, Ho condiviso il tuo sito nei miei social network!

  10. naturalmente come il tuo sito web, tuttavia devi dare un'occhiata all'ortografia di molti dei tuoi post. Alcuni di loro sono pieni di problemi di ortografia e trovo molto fastidioso dire la verità, d'altra parte tornerò sicuramente di nuovo.

  11. Questo è davvero interessante, Sei un blogger molto abile. Mi sono unito al tuo feed e non vedo l'ora di cercare altro del tuo magnifico post. Anche, Ho condiviso il tuo sito nei miei social network!

Lascia un commento

Brillantemente sicuro e Incentrato sullo studente Piattaforma di apprendimento 2021