Iscriviti ora

Accesso

Password dimenticata

Hai perso la tua password? Inserisci il tuo indirizzo email. Riceverai un link e verrà creata una nuova password via e-mail.

Add postale

Devi effettuare il login per aggiungere post .

Accesso

Iscriviti ora

Benvenuti a Scholarsark.com! La tua registrazione ti darà accesso a utilizzare più funzionalità di questa piattaforma. È possibile porre domande, contributi o fornire risposte, Guarda i profili di altri utenti e molto altro ancora. Iscriviti ora!

Perché i libri potrebbero non salvarti la vita, trova Francesca Moll

Non lasciarti ingannare dalla saggezza popolare, quando si tratta di disturbi alimentari, i libri possono essere dannosi tanto quanto altre forme di media, trova Francesca Moll…

È una verità apparentemente universalmente riconosciuta che i media mainstream possono avere un effetto negativo sui disturbi alimentari. Ma che dire dei libri? Secondo la dottoressa Emily Troscianko, della Facoltà di lingue medievali e moderne di Oxford, li ignoriamo a nostro rischio e pericolo.

Dottor Troscianco, la cui ricerca abbraccia studi cognitivi e letteratura tedesca, scrive anche un blog per Psicologia oggi sulla base della sua esperienza personale con l'anoressia e la scienza dei disturbi alimentari. È stata ispirata a riunire i due aspetti della sua ricerca quando si è resa conto di quanto poco si conoscesse la relazione tra i disturbi alimentari e la lettura.

Nell'ambito di una borsa di studio per lo scambio di conoscenze con TORCH (L'Oxford Research Center nelle discipline umanistiche), ha collaborato con BEAT, il più grande ente di beneficenza per i disturbi alimentari del Regno Unito, per scoprire come queste malattie potrebbero influenzare il modo in cui le persone interagiscono con la letteratura, e se la lettura potrebbe aiutare i malati ad adottare modi di pensare più sani.

Insieme hanno prodotto un sondaggio completo di oltre 60 domande, valutare come umore, autostima, l'immagine corporea e le abitudini di dieta ed esercizio fisico sono state influenzate dalla lettura. Questo è stato compilato da quasi 900 intervistati in vari stadi di recupero del disturbo alimentare, sia dalla rete di volontari BEAT nel Regno Unito che tramite associazioni di beneficenza sorelle negli Stati Uniti, Canada, e l'Australia.

I risultati si sono rivelati piuttosto scioccanti: certi libri sembravano peggiorare la malattia, e questi erano quelli che la teoria della "biblioterapia creativa" prevede sarebbero stati più utili per il recupero. Si presume generalmente che le narrazioni della malattia, dove il personaggio principale attraversa la stessa malattia del lettore, sarebbe il migliore per generare intuizione e desiderio di recuperare.

Ma il dottor Troscianko ha scoperto che in realtà era vero il contrario: la stragrande maggioranza degli intervistati ha riportato effetti decisamente negativi sulla propria malattia dalla lettura di tale narrativa. Infatti, piuttosto angosciante, sembra che molti fossero consapevoli dell'effetto negativo sul loro umore che causavano, e li cercava deliberatamente con l'intenzione di farsi più ammalare.

Sebbene queste opere raramente sostenessero esplicitamente un'alimentazione disordinata, sembra che la morale si stesse perdendo grazie ai modelli di pensiero restrittivi dei lettori. I malati sono finiti per rimanere intrappolati in un infinito "ciclo di feedback positivo" in cui la mentalità malsana che li ha inviati lì in primo luogo è stata rafforzata dalla lettura della stessa cosa descritta nella pagina.

‘È chiaro che le persone stanno filtrando le cose che non si accordano con la mentalità dei disturbi alimentari e vedono solo gli aspetti positivi, il controllo, il senso di superiorità, tutte quelle cose che sono trattate nelle prime parti dei libri prima che avvenga il recupero, e non vedere che c'è un punto critico su di loro,' dice il dottor Troscianko.

Anche se di solito sono le riviste patinate e i programmi TV ad essere accusati di incoraggiare schemi alimentari disordinati, è chiaro che i libri possono essere altrettanto dannosi, anche se in modi diversi.

«Mi chiedo se in un certo senso siamo saturati di immagini. I modelli da passerella scheletrici sono ancora scioccanti, scoraggianti e affascinanti in una certa misura, ma mi chiedo se incontrare una descrizione di una persona del genere a parole possa effettivamente fare qualcosa di altrettanto problematico, solo in un modo diverso.

"Una delle cose per cui mi sento frustrato è che le persone tendono a presumere perché è la letteratura che deve andare bene. E non c'è motivo di presumerlo.'

D'altro canto, Il dottor Troscianko ha anche scoperto che molti libri hanno avuto un effetto utile sui disturbi alimentari. Questi variavano notevolmente a seconda del gusto individuale, con tutto da Harry Potter a Orgoglio e pregiudizio essere menzionato. Ciò che avevano in comune era che aiutavano a far uscire gli intervistati dai loro schemi di pensiero stabiliti, mostrando loro che qualcos'altro era possibile al di fuori di questi confini confinati, oppure semplicemente ha migliorato il loro umore fornendo una fuga tanto necessaria.

Piuttosto che un focus ristretto sulla triste realtà dei disturbi alimentari, poi, la narrativa terapeutica potrebbe dover adottare un approccio più obliquo. Il dottor Troscianko è fiducioso sulle possibilità della metafora, allegoria estesa, o anche un'ambientazione di fantascienza o fantasy.

'Problemi alimentari, probabilmente tutte le malattie mentali, si tratta tanto di rimanere bloccati in circoli di pensiero molto ristretti e di non essere in grado di uscirne, che tutto ciò che irrompe in quello e ti costringe ad allargare lo sguardo per un momento e a pensare in modo diverso, anche solo molto temporaneamente, è potente.'

Il dottor Troscianko desidera sottolineare che questo sondaggio è solo il primo passo; spera di supportare i dati soggettivi di questo sondaggio auto-riferito con esperimenti psicologici più approfonditi.

'Il guaio è che fai un po' di ricerca e poi scopri quanto non sai. Ma ci stiamo arrivando.'


fonte:

http://www.ox.ac.uk/news/arts-blog/artistic-licence-why-book-might-not-save-your-life

 

Di Marie

Lascia un commento

Brillantemente sicuro e Incentrato sullo studente Piattaforma di apprendimento 2021